Cos'è la melanina? Cosa fa la melanina nel corpo?

Cos'è la melanina? Cosa fa la melanina nel corpo?

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Cos'è la melanina?

La melanina è un termine per un gruppo di pigmenti naturali presenti nella maggior parte delle forme di vita. Negli esseri umani, la melanina è prodotta dalle cellule dello strato più interno della pelle (lo strato basale) e dai follicoli piliferi chiamati melanociti. Il pigmento è presente e dà colore a parti del corpo come pelle, capelli, naso, orecchio interno e coroide negli occhi (l'area tra la retina e la sclera bianca).

Vitali

  • La melanina è un pigmento naturale che dona colore a pelle, capelli e altro.
  • La melanina è protettiva in alcuni modi e pericolosa in altri.
  • Non esiste un modo provato per aumentare i livelli di melanina in modo sicuro.
  • Una dieta nutriente può aiutare il corpo e la produzione di melanina a funzionare normalmente.

La melanina svolge un delicato doppio ruolo nel corpo. Aiuta a proteggere il corpo dagli effetti della luce ultravioletta (UV) del sole (e delle lampade solari) producendo un pigmento brunastro (abbronzatura). Ma la melanina può anche accumularsi in forme concentrate che comportano rischi per la salute. Sebbene non esista un modo comprovato per aumentare in modo sicuro i livelli di melanina, ci sono dei passaggi che puoi adottare per mantenere la tua pelle sana e funzionare normalmente.

Esistono tre tipi di melanina: eumelanina, feomelanina e neuromelanina. L'eumelanina può essere ulteriormente suddivisa in un tipo nero e marrone. Ad esempio, i livelli di eumelanina influenzano l'aspetto del colore dei capelli. Un sacco di eumelanina nera o marrone porta a capelli più scuri, mentre piccole quantità portano a capelli biondi.



Annuncio pubblicitario



come avere un'erezione davvero dura?

Roman Daily: multivitaminico per uomini

Il nostro team di medici interni ha creato Roman Daily per colmare le lacune nutrizionali comuni negli uomini con ingredienti e dosaggi scientificamente supportati.

Per saperne di più

I capelli diventano grigi quando la produzione di eumelanina rallenta più avanti nella vita. E se hai una mutazione in qualcosa chiamato recettore della melanocortina 1 (MC1R), che è coinvolto nella trasformazione della feomelanina in eumelanina, la feomelanina predomina, ed è questo che causa i capelli rossi. I livelli di feomelanina influenzano anche il colore della pelle, producendo sfumature gialle e rosse e toni rosa.



Si pensa anche che questo particolare tipo di pigmento conferisca un distinto colore scuro a parti del cervello, come la substantia nigra e il locus coeruleus. Alcuni ricercatori affermano che la presenza del pigmento aiuta a prevenire la morte cellulare in queste parti del cervello e hanno collegato la perdita di feomelanina a segni e sintomi del morbo di Parkinson, un disturbo neurologico (Vila, 2019).

Cosa fa la melanina nel corpo?

La melanina svolge un ruolo importante nel determinare il colore dei capelli, della pelle e degli occhi. I tuoi geni, ereditati dai tuoi genitori, determinano in gran parte quanta melanina produci; le persone con la pelle scura hanno più melanina rispetto alle persone con la pelle chiara (chiara).

Il corpo produce melanina attraverso diverse reazioni chimiche note come melanogenesi. Un passaggio chiave in questa complessa sequenza è l'ossidazione di un amminoacido chiamato tirosina, che è uno dei numerosi elementi costitutivi delle proteine. In particolare, è il livello di produzione di melanociti che crea la differenza nell'aspetto tra le persone con pigmentazione chiara e scura, non il numero di melanociti nella pelle.

Puoi ottenere abbastanza vitamina D dal sole?

4 minuti di lettura

Sfortunatamente, le cose non vanno sempre come dovrebbero con la pigmentazione della pelle. Ad esempio, gli individui con il disturbo genetico albinismo hanno poco o nessun pigmento di melanina, il che porta a una colorazione minima o nulla della pelle, dei capelli e degli occhi; la maggior parte ha i capelli bianchi o biondo chiaro e la pelle estremamente pallida.

grande protuberanza rossa sull'asta del pene

La vitiligine è un'altra malattia che coinvolge troppo poca melanina. Si verifica quando le cellule che normalmente producono melanina smettono di funzionare o muoiono.

Il ruolo protettivo della melanina

Da un lato, la melanina è un assorbente UV e una protezione solare a banda larga, offrendo protezione contro la luce UVA e UVB. Con l'esposizione alla luce UV, la produzione e l'attività dei melanociti aumentano e la pelle si scurisce man mano che i livelli di melanina aumentano.

Nel suo ruolo di protettore, dopo l'esposizione al sole possono svilupparsi concentrazioni di pigmento di melanina, le lentiggini. La melanina funge anche da antiossidante e spazzino di radicali liberi, aiutando a liberarsi delle cellule che sono anormali e che possono portare a malattie.

Annuncio pubblicitario

Semplifica la tua routine di cura della pelle

Ogni bottiglia di Nightly Defense prescritta dal medico è realizzata per te con ingredienti potenti e scelti con cura e consegnata a casa tua.

Per saperne di più

Melanina e danni del sole

C'è un punto di svolta in cui invece di aiutare, l'aumento dei livelli di melanina ti espone a un rischio maggiore di problemi. L'aumento della produzione di melanina, l'oscuramento del tono della pelle e l'accumulo di aree concentrate di melanina nelle 48 ore successive all'esposizione ai raggi UV possono aumentare il rischio di cancro della pelle, come il melanoma maligno. Dei due tipi fondamentali di UV, UVB è in gran parte responsabile delle scottature. Entrambi i tipi possono causare il cancro della pelle.

qual è il miglior ingrandimento del pene?

Per favore, non raccogliere l'energia solare con il tuo buco del culo, dicono gli scienziati

6 minuti di lettura

Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per comprendere il collegamento e confermare che è dovuto al fatto che hanno più melanina, le persone con la pelle più scura sembrano avere meno probabilità di contrarre il melanoma e altri tumori della pelle. È possibile, però, non esiste un'abbronzatura sicura. Chiunque può ammalarsi di cancro alla pelle.

Più melanina significa meno sintesi di vitamina D?

Inoltre non è chiaro: se le persone con la pelle più scura rischiano di assumere troppa poca vitamina D, poiché le persone con tonalità della pelle scure potrebbero aver bisogno di essere esposte almeno alla luce solare da tre a cinque volte più a lungo per produrre la stessa quantità di vitamina D che fa una persona con la pelle bianca (Nair, 2012).

Troppa poca vitamina D non è sicura. Tra l'altro, questa vitamina aiuta scongiurare malattie cardiache, depressione, influenza, cancro e malattie autoimmuni. Poiché solo un piccolo numero di alimenti fornisce vitamina D, gli integratori alimentari possono essere la risposta per questi individui (NIH Office of Dietary Supplements, 2020).

Si può aumentare la melanina?

Non ci sono prove che i livelli di melanina possano essere aumentati in sicurezza con integratori alimentari, vitamine o altri mezzi. La Food and Drug Administration degli Stati Uniti avverte che non esiste una pillola magica per accelerare l'abbronzatura con solo un po' di esposizione ai raggi UV (U.S. FDA, 2018).

Cosa supporta la produzione di melanina?

Ma, anche se non esiste una soluzione istantanea, una dieta nutriente ed equilibrata può probabilmente aiutare a garantire che i livelli di melanina rimangano dove dovrebbero essere. Più efficace per una pelle elastica e sana? Probabili cibi ricchi di vitamine antiossidanti (A, C ed E).

Si ritiene che gli antiossidanti aiutino a prevenire o ritardare i danni alle cellule della pelle e altri tipi di danni contrastare lo stress ossidativo da molecole instabili chiamate radicali liberi (Liu-Sith, F, 2016).

  • Vitamina A: Dato il suo potere antiossidante, alcuni scienziati sostengono questa vitamina liposolubile , più di ogni altro, può essere la chiave per una sana produzione di melanina (Godic, 2014). Quindi riempi il tuo piatto con pesce, verdure a foglia verde, broccoli, carote, prodotti a base di pomodoro e altre verdure arancioni e gialle.
  • Vitamina C: Questo antiossidante probabilmente migliora la salute della pelle mantenendo forte l'immunità. Il corpo cerca anche di produrre collagene, una proteina e una sostanza cicatrizzante vitale per la costruzione della pelle, dei capelli, dei tendini, dei legamenti e altro, e che aiuta a mantenere la pelle dal rilassamento. È raro che gli americani siano carenti di vitamina C, ma puoi limitare le tue scommesse mangiando molta frutta e verdura ricca di questo nutriente, come peperoni rossi e verdi, kiwi, broccoli, fragole, pomodori e patate al forno.
  • Vitamina E: Emolliente e antiossidante, la vitamina E può proteggere le membrane dai danni della luce ultravioletta. Prova ad applicare le formulazioni direttamente sulla pelle per ridurre i danni alla pelle causati dal sole. E attraverso gli alimenti: usa oli vegetali e mangia noci, semi e verdure a foglia verde.
  • Erbe e botaniche: Gli estratti di erbe intere contenenti le vitamine chiave possono aiutare la pelle a rimanere sana e anche a guarire bene. Il complesso mix di ingredienti nel tè verde e nero è pensato per supportare la guarigione della pelle. Lo stesso vale per il gel di aloe vera (soprattutto dopo le scottature solari) e l'olio di sesamo. Tuttavia, nessuno è stato mostrato in modo conclusivo svolgere un ruolo nell'incrementare la produzione di melanina (Korac, 2011).
  • Forskolina: Nonostante l'eccitazione generata da un Dana-Farber Cancer Institute Lettera all'editore sulla rivista Nature nel 2006 c'è nessuna prova che l'estratto di radice della pianta indiana Coleus forskholii può aumentare la produzione di melanina nell'uomo (D'orazio, 2006; MSKCC, 2020). Mentre la forskolina ha funzionato come uno scudo dai dannosi raggi UV nei topi dalla pelle chiara e ha anche funzionato come agente abbronzante, lo studio non è mai stato esteso agli umani.

Desideroso di mantenere viva la produzione di melanina? Limita l'esposizione al sole e aggiungi quelle verdure!

Riferimenti

  1. Brenner, M., e Audizione, VJ (2007). Il ruolo protettivo della melanina contro i danni dei raggi UV nella pelle umana†. Fotochimica e fotobiologia, 84(3), 539–549. https://doi.org/10.1111/j.1751-1097.2007.00226.x.
  2. D'orazio, J. A., Nobuhisa, T., Cui, R., Arya, M., Spry, M., Wakamatsu, K., … Fisher, D. E. (2006). Strategia topica di salvataggio dei farmaci e protezione della pelle basata sul ruolo di Mc1r nell'abbronzatura indotta dai raggi UV. Natura, 443 (7109), 340-344. https://doi.org/10.1038/nature05098. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/16988713/
  3. Godic, A., Poljšak, B., Adamic, M., & Dahmane, R. (2014). Il ruolo degli antiossidanti nella prevenzione e nel trattamento del cancro della pelle. Medicina ossidativa e longevità cellulare, 2014, 1–6. https://doi.org/10.1155/2014/860479. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/24790705/
  4. Medicina Integrativa al Memorial Sloan Kettering Cancer Center. (2020, aprile). Forskolina. Estratto da https://www.mskcc.org/cancer-care/integrative-medicine/herbs/forskolin.
  5. Ito, S., & Wakamatsu, K. (2011). Diversità della pigmentazione dei capelli umani studiata dall'analisi chimica dell'eumelanina e della feomelanina. Journal of the European Academy of Dermatology and Venereology, 25(12), 1369–1380. https://doi.org/10.1111/j.1468-3083.2011.04278.x.
  6. Korać, R., & Khambholja, K. (2011). Potenziale delle erbe nella protezione della pelle dalle radiazioni ultraviolette. Recensioni di farmacognosia, 5(10), 164. https://doi.org/10.4103/0973-7847.91114 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22279374/
  7. Liu-Smith, F., & Meyskens, F. L. (2016). Meccanismi molecolari dei flavonoidi nella sintesi della melanina e potenziale per la prevenzione e il trattamento del melanoma. Nutrizione molecolare e ricerca alimentare, 60(6), 1264-1274. https://doi.org/10.1002/mnfr.201500822 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26865001/
  8. Nair R, Maseeh A. (2012). Vitamina D: La vitamina del sole. J Pharmacol Pharmacother, 3(2),118-126. doi:10.4103/0976-500X.95506, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3356951/
  9. Office of Dietary Supplements, National Institutes of Health. Vitamina A. Estratto da https://ods.od.nih.gov/factsheets/VitaminA-HealthProfessional/
  10. Office of Dietary Supplements, National Institutes of Health. Vitamina D. Estratto da https://ods.od.nih.gov/factsheets/VitaminD-HealthProfessional/.
  11. Schlessinger DI, Anoruo MD, Schlessinger J. Biochimica, Melanina. [Aggiornato il 27 aprile 2020]. In: StatPearls [Internet]. L'isola del tesoro (FL): StatPearls Publishing; 2020 gennaio-. Disponibile da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK459156/.
  12. La Fondazione per il cancro della pelle. L'abbronzatura e la tua pelle. Estratto da: https://www.skincancer.org/risk-factors/tanning/.
  13. Food and Drug Administration degli Stati Uniti. (2018, marzo.) Pillole abbronzanti. Estratto da: https://www.fda.gov/cosmetics/cosmetic-products/tanning-pills#:~:text=In%20their%20quest%20for%20the,to%20appear%20on%20the%20market.
  14. Vila, M. (2019). Neuromelanina, invecchiamento e vulnerabilità neuronale nella malattia di Parkinson. Disturbi del movimento, 34(10), 1440–1451. https://doi.org/10.1002/mds.27776. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31251435/
Vedi altro