Che cos'è una lampada alla vitamina D e come funziona?


Che cos'è una lampada alla vitamina D e come funziona?

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Quando si tratta di vitamine, spicca la vitamina D. Questo perché mentre la definizione stessa di questi composti è che ne abbiamo bisogno per sopravvivere ma non possiamo produrli da soli, nel caso della vitamina D, con un piccolo aiuto dal sole, in realtà possiamo. Ma come dice il vecchio adagio, solo perché puoi fare qualcosa, non significa che dovresti.



I nostri corpi producono una sorta di forma immatura di vitamina D che, se esposta alla luce solare, si trasforma in vero affare. Ma quella luce solare può comportare dei rischi, quindi se hai una carenza di vitamina D, sdraiarti su una spiaggia o su un lettino abbronzante o usare una lampada alla vitamina D probabilmente non è la soluzione migliore.

come faccio ad avere un'erezione?

Vitali

  • Quando la nostra pelle è esposta alla luce UVB, possiamo produrre la nostra vitamina D.
  • Molte persone vivono in regioni in cui è difficile ricevere abbastanza luce solare per produrre questa vitamina, specialmente durante i mesi invernali più bui.
  • Le lampade alla vitamina D utilizzano la luce UVB per imitare la luce solare naturale al fine di aiutarti a produrre più vitamina D.
  • Tuttavia, l'esposizione ai raggi UV è pericolosa e può aumentare il rischio di sviluppare il cancro della pelle, sia che provenga dal sole, dai lettini abbronzanti o dalle luci della vitamina D.
  • Il modo più sicuro per ottenere più vitamina D è assumere di più dal cibo (come pesce azzurro, latticini, funghi e cibi fortificati) e utilizzare integratori quando necessario.

Forse ti starai chiedendo perché la vitamina D è così importante. Non assumere abbastanza vitamina D cause una condizione chiamata rachitismo nei bambini, che può arrestare la loro crescita. Negli adulti, la carenza può portare a una condizione chiamata osteomalacia, che può portare a fratture perché ammorbidisce le ossa. La carenza di vitamina D può anche causare dolore e debolezza nei muscoli e nelle ossa (Chauhan, 2020).

Sfortunatamente, molti di noi hanno problemi a ottenere tutta la vitamina D di cui abbiamo bisogno. Le persone che hanno la pelle più scura richiedono più luce solare per produrre la stessa quantità di vitamina D , rendendo difficile per loro averne abbastanza (Chauhan, 2020). Inoltre, più lontano vivi dall'equatore, più breve sarà la tua dose giornaliera di luce solare. Negli Stati Uniti, ad esempio, le persone che vivono ovunque a nord di una linea tracciata da una costa all'altra attraverso Atlanta saranno a Atlanta rischio maggiore di carenza di vitamina D (Leary, 2017).



Annuncio pubblicitario

Roman Daily: multivitaminico per uomini

Il nostro team di medici interni ha creato Roman Daily per colmare le lacune nutrizionali comuni negli uomini con ingredienti e dosaggi scientificamente supportati.



Per saperne di più

Anche le statistiche sulla carenza di vitamina D non sono così rosee. Un massiccio Il 41,6% degli adulti negli Stati Uniti non ne ha abbastanza , e i numeri sono più alti per le persone con la pelle più scura: l'82,1% degli afroamericani e il 69,2% degli ispanici non assumono abbastanza vitamina D (Forrest, 2011).

Ma anche se vivi in ​​una zona che riceve abbondante luce solare (beato te), non è così semplice come passare del tempo al sole. Ottenere più esposizione al sole senza protezione solare aumenta il rischio di cancro della pelle e il tuo corpo non può produrre vitamina D dai raggi UVB se sei adeguatamente protetto con la crema solare (Savoye, 2018; Chauhan, 2020).

Il cancro della pelle è pericoloso, quindi cercare di spremere in tempo al sole per ottenere abbastanza di questa vitamina non vale il rischio. Ecco perché le persone cercano altre opzioni come integratori e lampade alla vitamina D.

Cos'è una lampada alla vitamina D?

Una lampada alla vitamina D è una lampada che emette luce UVB (non tutte le lampade lo fanno), aiutando il tuo corpo a produrre vitamina D. Sono anche commercializzate come lampade solari poiché imitano la luce solare naturale.

Le aziende vendono anche lampade alla vitamina D come lampade per la terapia della luce e affermano di poter aiutare le persone con disturbo affettivo stagionale (SAD). La maggior parte di noi odia come il sole tramonta prima delle 17:00 durante i mesi invernali, ma la mancanza di luce solare stimola un tipo di depressione per le persone con SAD. Per queste persone, le luci UV possono essere utili. Una meta-analisi ha scoperto che la luce UV ha un effetto positivo sull'umore e benessere (Veleva, 2018).

Tuttavia, è meglio usare altri modi per aumentare la vitamina D. Sì, le lampade per la terapia della luce possono aiutare il tuo corpo a produrre vitamina D, ma non dovresti ignorare i loro rischi. Sono in grado di farlo perché usano la luce UV, il che significa che passare del tempo sotto di loro può aumentare il rischio di cancro della pelle proprio come farebbe stare al sole. Sono essenzialmente lettini abbronzanti più piccoli, il che sono anche noti per aumentare il rischio di questo pericoloso cancro (Martino, 2017).

In quale altro modo puoi aumentare la tua vitamina D?

Fortunatamente, esporsi ai raggi potenzialmente dannosi del sole non è l'unica opzione. Puoi ottenere tutta la vitamina D di cui hai bisogno e di più dal cibo o aggiungere integratori se ciò non bastasse.

Esistono due forme di vitamina D (D2 e D3), ma è importante ricordare che fanno la stessa cosa nel tuo corpo. Il tuo fegato li trasforma nella stessa forma attiva è questa vitamina una volta che è nel tuo corpo. Gli studi hanno scoperto che D3 è più efficace nell'aumentare i livelli di vitamina D rispetto a D2, ma questo entrambi possono aumentare i livelli ematici di questa vitamina e tenere a bada la carenza (Tripkovic, 2017). Quindi, invece di preoccuparti di quale forma stai ottenendo, concentrati sull'ottenerne abbastanza.

La vitamina D2 si trova principalmente nelle fonti vegetali e negli alimenti fortificati, mentre la D3 si trova nella carne e nei latticini. Pesce azzurro (come sardine, salmone e sgombro), tuorli d'uovo e fegato di manzo sono i migliori alimenti contenenti vitamina D . Per le persone che non mangiano carne o prodotti animali, optare per funghi o alimenti con aggiunta di vitamine, come latte di soia, succo d'arancia e alcuni cereali per la colazione (NIH, 2020).

come aumentare la quantità di sperma?

Cos'è la vitamina D e perché è importante?

La vitamina D è fondamentale per la salute delle nostre ossa sia da bambini che da adulti. Non avere abbastanza da adulto causa il tuo ossa da ammorbidire , che aumenta il rischio di fratture (Sizar, 2020). Sebbene questa vitamina aiuti il ​​tuo corpo ad assorbire e utilizzare il calcio per costruire ossa forti, aiuta anche a regolare insulina, stimola la funzione immunitaria e supporta la salute del cuore (Chauhan, 2020).

Carenza di vitamina D

Ecco la cosa, però: se qualcosa è veramente importante nel tuo corpo, non averne abbastanza può portare a molti problemi di salute. Non è solo dannoso per la salute delle nostre ossa. Tra il 40 e il 60% delle persone con dolori muscolari generalizzati e dolori ossei ha effettivamente un carenza di vitamina D (Chauhan, 2020).

Tuttavia, questi non sono gli unici problemi per le persone che non ne hanno abbastanza della vitamina del sole. Le persone con bassi livelli di vitamina D hanno maggiori probabilità di avere altri problemi di salute , Compreso depressione , malattie cardiache, diabete di tipo 2 e sindrome metabolica (Anglin, 2012; Parker, 2010).

Molte persone carenti di vitamina D non avvertire alcun sintomo affatto. Il tuo medico potrebbe consigliarti un semplice esame del sangue per determinare se hai una carenza. Se lo fai, possono consigliare di aumentare l'assunzione di cibi ricchi di vitamina D o di utilizzare un integratore.

Se provi affaticamento, debolezza, dolore osseo o contrazioni muscolari, questi potrebbero essere segni che non hai avuto abbastanza vitamina D per un po'. Un operatore sanitario può lavorare con te per capire i tuoi livelli e come riportarli a un livello sano (Sizar, 2020).

Riferimenti

  1. Ali, N.S., & Nanji, K. (2017). Una rassegna sul ruolo della vitamina D nell'asma. Cureo. doi:10.7759/cureus.1288. Recuperato da https://www.cureus.com/articles/7343-a-review-on-the-role-of-vitamin-d-in-asthma
  2. Anglin, R., Samaan, Z., Walter, S. e McDonald, S. (2013). Carenza di vitamina D e depressione negli adulti: revisione sistematica e meta-analisi. British Journal of Psychiatry, 202(2), 100-107. doi:10.1192/bjp.bp.111.106666. Recuperato da https://www.cambridge.org/core/journals/the-british-journal-of-psychiatry/article/vitamin-d-deficiency-and-depression-in-adults-systematic-review-and-metaanalysis/F4E7DFBE5A7B99C9E6430AF472286860
  3. Budhathoki, S., Hidaka, A., Yamaji, T., Sawada, N., Tanaka-Mizuno, S., Kuchiba, A., et al. Concentrazione plasmatica di 25-idrossivitamina D e successivo rischio di tumori totali e sito-specifici nella popolazione giapponese: ampio studio di coorte di casi all'interno di una coorte di studio prospettico basato sul Japan Public Health Center. BMJ 2018; 360:k671. doi:10.1136/bmj.k671. Recuperato da https://www.bmj.com/content/360/bmj.k671
  4. Chauhan, K., Shahrokhi, M., Huecker, M. (2020, 15 ottobre). Vitamina D. Pubblicazione StatPearls. L'isola del tesoro (FL). Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK441912/
  5. Demer, L. L., Hsu, J. J. e Tintut, Y. (2018). Ormone steroideo vitamina D. Ricerca sulla circolazione, 122 (11), 1576–1585. doi:10.1161/circresaha.118.311585. Recuperato da https://www.ahajournals.org/doi/10.1161/CIRCRESAHA.118.311585
  6. Forrest, K. Y. e Stuhldreher, W. L. (2011). Prevalenza e correlati della carenza di vitamina D negli adulti statunitensi. Ricerca sulla nutrizione, 31 (1), 48-54. doi: 10.1016/j.nutres.2010.12.001. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/2310306/
  7. Kent, S.T., McClure, L.A., Crosson, W.L., Arnett, D.K., Wadley, V.G., & Sathiakumar, N. (2009). Effetto dell'esposizione alla luce solare sulla funzione cognitiva tra i partecipanti depressi e non depressi: uno studio trasversale REGARDS. Salute ambientale: una fonte scientifica di accesso globale, 8, 34. doi:10.1186/1476-069X-8-34. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/19638195/
  8. Leary, P. F., Zamfirova, I., Au, J. e McCracken, W. H. (2017). Effetto della latitudine sui livelli di vitamina D. Il Journal of American Osteopathic Association, 117, 433-439. doi: 10.7556/jaoa.2017.089. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28662556/
  9. Martin, B., Wilkerson, A. H., Pham, L., Nahar, V. K., Boyas, J. F., Black, W. H. e Brodell, R. T. (2017). L'abbronzatura indoor e il suo utilizzo tra i pazienti con cancro della pelle. Journal of the Dermatology Nurses' Association, 9(6), 303-305. doi:10.1097/jdn.00000000000000354. Recuperato da https://journals.lww.com/jdnaonline/Abstract/2017/11000/Indoor_Tanning_and_Its_Use_Among_Patients_With.6.aspx
  10. Martins, D., Wolf, M., Pan, D., Zadshir, A., Tareen, N., Thadhani, R., Felsenfeld, A., Levine, B., Mehrotra, R., & Norris, K. (2007). Prevalenza dei fattori di rischio cardiovascolare e dei livelli sierici di 25-idrossivitamina D negli Stati Uniti: dati del Third National Health and Nutrition Examination Survey. Archivi di medicina interna, 167 (11), 1159-1165. doi:10.1001/archinte.167.11.1159. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/17563024/
  11. Nair, R., & Maseeh, A. (2012). Vitamina D: La vitamina del sole. Journal of Pharmacology & Pharmacotherapeutics, 3(2), 118-126. doi:10.4103/0976-500X.95506. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3356951/
  12. Istituti Nazionali di Sanità (NIH). (2017). Ufficio degli integratori alimentari – vitamina D. Nih.Gov. https://ods.od.nih.gov/factsheets/VitaminD-HealthProfessional/
  13. Oliver, H., Ferguson, J., & Moseley, H. (2007). Valutazione quantitativa del rischio dei lettini solari: impatto delle nuove lampade ad alta potenza. Il British Journal of Dermatology, 157(2), 350-356. doi:10.1111/j.1365-2133.2007.07985.x. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/17650177/
  14. Parker, J., Hashmi, O., Dutton, D., Mavrodaris, A., Stranges, S., Kandala, N.-B., Clarke, A. e Franco, O. H. (2010). Livelli di vitamina D e disturbi cardiometabolici: revisione sistematica e meta-analisi. Maturitas, 65(3), 225-236. doi:10.1016/j.maturitas.2009.12.013. Recuperato da https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S037851220900468X
  15. Savoye, I., Olsen, C. M., Whiteman, D. C., Bijon, A., Wald, L., Dartois, L., Clavel-Chapelon, F., Boutron-Ruault, M. C. e Kvaskoff, M. (2018). Modelli di esposizione alle radiazioni ultraviolette e rischio di cancro della pelle: lo studio E3N-SunExp. Giornale di epidemiologia, 28 (1), 27-33. doi:10.2188/jea.JE20160166. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5742376/
  16. Sizar, O., Khare, S., Goyal, A., Bansal, P. e Givler, A. (2020). Carenza di vitamina D [Rassegna sulla carenza di vitamina D]. Pubblicazione StatPearls. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK532266/
  17. Tripkovic, L., Wilson, L. R., Hart, K., Johnsen, S., De Lusignan, S., Smith, C. P., . . . Lanham-New, SA (2017). Integrazione giornaliera con 15 μG di vitamina D 2 rispetto alla vitamina D 3 per aumentare lo stato WINTERTIME di 25-idrossivitamina D in donne sane dell'Asia meridionale e europee europee: uno studio di fortificazione alimentare randomizzato e controllato con placebo di 12 settimane. L'American Journal of Clinical Nutrition, 106(2), 481-490. doi:10.3945/ajcn.116.138693. Recuperato da https://academic.oup.com/ajcn/article/106/2/481/457614?login=true#110373260
  18. Urashima, M., Segawa, T., Okazaki, M., Kurihara, M., Wada, Y. e Ida, H. (2010). Studio randomizzato di integrazione di vitamina D per prevenire l'influenza stagionale A negli scolari. L'American Journal of Clinical Nutrition, 91(5), 1255-1260. doi:10.3945/ajcn.2009.29094. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/20219962/
  19. Veleva, B. I., Van Bezooijen, R. L., Chel, V. G., Numans, M. E. e Caljouw, M. A. (2018). Effetto della luce ultravioletta sull'umore, sui disturbi depressivi e sul benessere. Fotodermatologia, fotoimmunologia e fotomedicina, 34(5), 288-297. doi:10.1111/phpp.12396. Recuperato da https://onlinelibrary.wiley.com/doi/full/10.1111/phpp.12396
  20. Young, M., & Xiong, Y. (2018). Influenza della vitamina D sul rischio e sul trattamento del cancro: perché la variabilità?. Tendenze nella ricerca sul cancro, 13, 43-53. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC620126/
Vedi altro