Perché i pazienti neri curati da medici neri stanno meglio?

Perché i pazienti neri curati da medici neri stanno meglio?

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Le disparità di salute danneggiano molte persone diverse, ma colpiscono soprattutto i neri, gli indigeni e le persone di colore. I neri, in particolare gli uomini di colore, hanno tassi più elevati di malattie croniche. Nel 2011, gli uomini e le donne di colore avevano un'aspettativa di vita che rispettivamente era 4,4 e 2,8 anni più bassi degli uomini e delle donne bianchi negli Stati Uniti (Bond, 2016).

Vitali

  • I medici/operatore sanitario di colore possono potenzialmente fornire una qualità di assistenza più elevata per i pazienti di colore rispetto ai medici/operatore sanitario non di colore, ad esempio riducendo i tempi di attesa per i trattamenti.
  • I pazienti di colore possono sentirsi più a loro agio a discutere di salute con medici/professionisti sanitari neri, il che può aiutare ad aumentare la loro compliance e aderenza ai consigli medici.
  • I pazienti di colore con medici di colore possono potenzialmente evitare di affrontare i pregiudizi razziali di medici/operatori sanitari non neri, che possono avere un impatto negativo sulla loro qualità delle cure.

L'America ha molti esempi di disparità di salute basate sulla razza. Alcuni dei più gravi riguardano i neri che muoiono più velocemente o prima dei bianchi per la stessa condizione. Un primo esempio di ciò è che nel bel mezzo della pandemia di Coronavirus in corso del 2019, una comunità in Louisiana con una popolazione nera del 31% aveva persone di colore truccate. 76,9% dei loro ricoveri per COVID-19 e 70,6% dei loro decessi per COVID-19 (Prezzo-Haywood, 2020). Mentre in questo caso, i tassi di mortalità in ospedale tra pazienti neri e bianchi erano simili, la mancanza di accesso alle cure in primo luogo che i pazienti neri spesso affrontano probabilmente ha aumentato il tasso di mortalità sproporzionato.

Molti fattori determinano le disparità di salute negli Stati Uniti. Una delle cause principali è che molte persone di colore non possono accedere a medici o operatori sanitari (HCP) neri.

I neri costituiscono il 13% della popolazione americana, ma un sondaggio dell'AAMC del 2018 ha rilevato che solo 5% di medici attivi identificati come neri (AAMC, 2018). Questo sondaggio ha identificato la razza del 13,7% dei medici americani, quindi il vero numero di medici neri potrebbe essere leggermente più alto, ma probabilmente non proporzionale a quello della popolazione generale.

Importanza della diversità in medicina

È più probabile che i medici e gli operatori sanitari di colore esercitino la loro professione in aree ad alto bisogno

La povertà è un grosso problema in America. Sfortunatamente, i neri ne sono particolarmente colpiti. I medici/operatore sanitario di colore sono più probabili dei medici/operatore sanitario di razza bianca fornire assistenza sanitaria in aree svantaggiate (Smedley, 2001) e trattare a maggiore percentuale di pazienti Medicaid (Lyndon, 2014). Ne consegue che i medici/operatore sanitario di colore hanno maggiori probabilità di fornire assistenza sanitaria alle popolazioni nere più bisognose rispetto ai medici/operatore sanitario bianchi.

ho un cazzo piccolo?

I medici/operatori sanitari di colore possono potenzialmente fornire una qualità di assistenza più elevata per i pazienti di colore rispetto ai medici/operatori sanitari non di colore

Un semplice motivo per cui i pazienti di colore possono cavarsela meglio con i medici/operatori sanitari neri è perché i medici/gli operatori sanitari neri potrebbero potenzialmente fornire loro uno standard di cura più elevato.

Uno studio del 2019 ha confrontato gli esiti di salute a breve termine degli uomini di colore assegnati a medici/operatori sanitari neri con quelli degli uomini di colore assegnati a medici/operatori sanitari non neri. I risultati hanno evidenziato che i pazienti neri con medici/operatori sanitari neri hanno avuto servizi e cure più invasivi e preventivi dai loro medici/professionisti

I pazienti di sesso maschile hanno mostrato maggiore comfort nel discutere a fondo i loro problemi di salute con i medici/operatori sanitari neri (Alsan & Garrick, 2018). Per quanto riguarda i fornitori, i medici/operatore sanitario neri hanno scritto più note aggiuntive sui casi dei loro pazienti rispetto ai medici/operatore sanitari non neri (Alsan & Garrick, 2018). I medici e gli operatori sanitari neri hanno trascorso più tempo con i pazienti di sesso maschile di colore, soprattutto perché i pazienti hanno accettato di prendere più screening potenzialmente salvavita e testa con loro (Alsan & Garrick, 2018).

Lo studio ha suggerito che l'adozione di servizi sanitari salvavita presi da uomini di colore con medici/operatori sanitari neri potrebbe migliorare i risultati di salute abbastanza da potenzialmente ridurre il gap di mortalità cardiovascolare tra uomini neri e uomini bianchi fino al 19% (Alsan & Garrick, 2018).

In alcuni casi, quando un paziente riceve assistenza è cruciale per il successo dell'esito. Alcune ricerche hanno dimostrato che avere un medico nero può significare che i pazienti neri ottengono trattamenti più rapidi.

Uno studio del 2004 ha rilevato che i pazienti neri sieropositivi con medici/operatori sanitari bianchi avevano un tempo di attesa medio di 119 più giorni per ricevere trattamenti con inibitori della proteasi rispetto ai pazienti neri sieropositivi con medici/operatori sanitari neri (King, 2004). I farmaci per l'HIV devono essere assunti come prescritto per prevenire la resistenza ai farmaci dell'HIV. I medici/gli operatori sanitari tendono a ritardare prescrivere trattamenti per l'HIV ai pazienti che sospettano non li prenderanno correttamente (Wong, 2004). Questo studio ha ipotizzato che una ragione per la differenza nei tempi di trattamento potrebbe essere che i medici/operatori sanitari bianchi hanno maggiori probabilità di presumere che i pazienti neri non prenderà i farmaci correttamente y e quindi ritardano il loro trattamento rispetto ai medici/professionisti neri che hanno meno probabilità di avere quei pregiudizi o ipotesi (King, 2004).

I pazienti neri tendono a fidarsi, comunicare e conformarsi di più agli operatori sanitari neri

Un altro vantaggio per i pazienti neri con medici/operatore sanitari neri è che i pazienti neri tendono a fidarsi e a prendere più seriamente le loro raccomandazioni.

Uno studio recente ha scoperto che anche quando i medici e gli operatori sanitari neri e bianchi usavano le stesse parole e lo stesso stile di comunicazione, i pazienti neri erano più ricettivo a una raccomandazione chirurgica dal medico nero (Saha, 2020).

Avere un medico nero potrebbe anche potenzialmente aiutare un paziente nero a comprendere meglio i rischi per la salute. Questo studio ha mostrato che i pazienti neri avevano una maggiore consapevolezza del rischio di cancro ai polmoni quando interagivano con i medici, percepivano come neri (Persky, 2013).

I pazienti neri a volte aderiscono meglio ai farmaci anche sotto i medici neri. Questo studio ha scoperto che i neri con medici neri avevano maggiore aderenza ai loro farmaci cardiovascolari rispetto ai neri con medici non neri (Traylor, 2010).

Diversi studi di ricerca suggeriscono che un medico nero può aiutare ad aumentare importanti comunicazioni sanitarie con i pazienti neri, il che può aiutare con la compliance sanitaria, che potrebbe portare a compensare alcuni esiti negativi sulla salute.

cosa significa quando la vitamina d è bassa?

Quindi sono solo i pazienti neri che se la cavano meglio con i medici/professionisti della stessa razza? Non esattamente.

Gli studi suggeriscono che quando si tratta di soddisfazione del paziente, i pazienti possono essere più felici quando visitano un fornitore della stessa razza. UN studio del 2002 dei pazienti bianchi, neri, ispanici e afro-americani ha riscontrato che ogni razza ed etnia ha riportato il più alto livello di soddisfazione con un fornitore della stessa razza o etnia.

In termini di risultati, tuttavia, non è così chiaro. Uno studio ha scoperto che i pazienti bianchi, ispanici e asiatici avevano livelli simili di aderenza al farmaco indipendentemente dalla razza del fornitore (Traylor, 2010). Un altro studio, tuttavia, ha scoperto che i pazienti asiatici e ispanici con fornitori della stessa razza ed etnia avevano maggiori probabilità di cercare servizi di assistenza preventiva e visitare fornitori per nuovi problemi di salute (Ma, 2019)

I pazienti di colore possono evitare di affrontare i pregiudizi con medici/professionisti non neri

Alcuni pazienti neri incontrare pregiudizi razziali da medici/operatori sanitari bianchi (Hagiwara, 2017). Pazienti neri che esperienza pregiudizi da parte di medici/operatori sanitari tendono a segnalare uno standard di assistenza di qualità inferiore e un livello più elevato di sfiducia e insoddisfazione nei confronti del medico (Penner, 2014). Quando i pazienti neri si rivolgono a medici/assistenti sanitari neri, possono potenzialmente evitare pregiudizi impliciti che potrebbero avere un impatto negativo sul loro percorso sanitario.

quanto costa fare il test per il coronavirus

C'è una storia di tensione tra la comunità nera e i professionisti medici bianchi

Storicamente, c'è stata una certa sfiducia tra la comunità nera e la comunità medica. Medici/HCP utilizzati per esperimento medico su schiavi africani (Muro, 2006). Uno studio ha scoperto che, anche ai giorni nostri, i neri tendono a tend fidati dei professionisti della ricerca medica meno dei bianchi (Braunstein, 2008).

Lo studio Tuskegee rimane un notevole esempio di sperimentazione sui neri americani senza consenso. Il servizio sanitario pubblico degli Stati Uniti ha condotto il Studio di Tuskegee sulla sifilide non trattata nel Negro Mal e dal 1932 al 1972 (Alsan & Wanamaker, 2018). Il team di ricerca voleva vedere come sifilide non trattata influenzerebbe il corpo (Alsan & Wanamaker, 2018). Tuttavia, hanno invece detto ai partecipanti che sarebbero stati trattati per sangue cattivo (Alsan & Wanamaker, 2018).

Questo team ha negato ai pazienti il ​​diritto al consenso informato e all'accesso al trattamento con penicillina per la sifilide. Molti sono morti o si sono sviluppati complicanze legate alla sifilide come cecità o demenza (Alsan & Wanamaker, 2018). La rivelazione di questo esperimento ha portato a aumento della sfiducia medica nella comunità nera e diminuzione delle visite mediche per gli uomini di colore più anziani (Alsan e Wanamaker, 2018). Questo studio ha portato a una revisione delle pratiche di ricerca nella comunità medica e della salute pubblica. Questo studio è stato un colossale fallimento della salute pubblica che ha mostrato quanto possa essere dannoso il razzismo in un contesto di ricerca.

Aumentare il numero di medici/operatori sanitari neri in medicina (inizia con le scuole di medicina)

I medici e gli operatori sanitari neri svolgono un ruolo molto importante nel ridurre le disparità di salute che colpiscono la comunità nera. Purtroppo, l'America non ne ha abbastanza. Il basso numero di medici/operatore sanitari neri inizia con il basso numero di studenti di medicina neri. Solo nel 2019 7,3% degli studenti di medicina americani erano neri (AAMC, 2019).

Alcune scuole di medicina hanno riconosciuto l'importanza della formazione di medici di minoranza in un paese sempre più diversificato. Alcune scuole di medicina, come l'Università del Kentucky, ho creato iniziative di diversità che aiutano a reclutare più studenti di medicina neri nei loro programmi (Achenjang, 2016). Sfortunatamente, altro scuole di medicina , come Texas Tech, hanno ricevuto respingimento contro le politiche di azione affermativa implementate per creare una classe diversificata di futuri medici/professionisti (Jaschik, 2019).

Gli studi che dimostrano i migliori risultati sulla salute, l'educazione sanitaria e l'aderenza al trattamento dei pazienti neri con medici/operatori sanitari neri evidenziano quanto sia potente la diversità per il sistema sanitario nel suo insieme. I medici e gli operatori sanitari neri possono portare i pazienti neri a navigare nei sistemi sanitari per vivere vite più lunghe e più sane.

Riferimenti

  1. Achenjang, J., & Elam, C. (2016, 23 giugno). Reclutamento delle minoranze sottorappresentate nella scuola di medicina attraverso un'iniziativa guidata dagli studenti. Estratto il 21 luglio 2020 da https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S002796841630027X?via=ihub
  2. Alsan, M., & Wanamaker, M. (2018). TUSKEGEE E LA SALUTE DEGLI UOMINI NERI. La rivista trimestrale di economia, 133 (1), 407-455. https://doi.org/10.1093/qje/qjx029
  3. Alsan, M., Garrick, O., & Graziani, G. (2018, 29 giugno). La diversità è importante per la salute? Evidenze sperimentali da Oakland. Estratto il 21 luglio 2020 da https://www.nber.org/papers/w24787
  4. Associazione dei college medici americani. Percentuale di tutti i medici attivi per razza/etnia, 2018. (n.d.). Estratto il 21 luglio 2020 da https://www.aamc.org/data-reports/workforce/interactive-data/figure-18-percentage-all-active-physicians-race/ethnicity-2018
  5. Associazione dei college medici americani. Iscrizione totale alla scuola medica degli Stati Uniti per razza, 2019. Estratto il 21 luglio 2020 da https://www.aamc.org/system/files/2019-11/2019_FACTS_Table_B-3.pdf
  6. Bond, M. J. e Herman, A. A. (2016). Aspettativa di vita in ritardo per gli uomini di colore: un imperativo di salute pubblica. Giornale americano di sanità pubblica, 106(7), 1167–1169. https://doi.org/10.2105/AJPH.2016.303251
  7. Braunstein, J. B., Sherber, N. S., Schulman, S. P., Ding, E. L. e Powe, N. R. (2008). Razza, sfiducia del ricercatore medico, danno percepito e volontà di partecipare a studi di prevenzione cardiovascolare. Medicina, 87 (1), 1-9. https://doi.org/10.1097/MD.0b013e3181625d78
  8. Hagiwara, N., Slatcher, R. B., Eggly, S. e Penner, L. A. (2017). Pregiudizio razziale del medico e uso di parole durante le interazioni mediche discordanti dal punto di vista razziale. Comunicazione sanitaria, 32(4), 401–408. https://doi.org/10.1080/10410236.2016.1138389
  9. Jaschik, S. (2019). L'OCR dice a Med School di smettere di considerare la razza nelle ammissioni. Estratto il 21 luglio 2020 da https://www.insidehighered.com/admissions/article/2019/04/15/texas-tech-medical-school-under-pressure-education-department-will
  10. King, W. D., Wong, M. D., Shapiro, M. F., Landon, B. E. e Cunningham, W. E. (2004). La concordanza razziale tra i pazienti sieropositivi e i loro medici influisce sul tempo di ricezione degli inibitori della proteasi?. Giornale di medicina interna generale, 19(11), 1146-1153. https://doi.org/10.1111/j.1525-1497.2004.30443.x
  11. Lyndonna M. Marrast, M. (2014, 01 febbraio). Il ruolo dei medici di minoranza nella cura del paziente. Estratto il 21 luglio 2020 da https://jamanetwork.com/journals/jamainternalmedicine/fullarticle/1792913
  12. Penner, L. A., Blair, I. V., Albrecht, T. L. e Dovidio, J. F. (2014). Ridurre le disparità razziali nell'assistenza sanitaria: un'analisi psicologica sociale. Approfondimenti politici dalle scienze comportamentali e del cervello, 1 (1), 204-212. https://doi.org/10.1177/2372732214548430
  13. Persky, S., Kaphingst, K. A., Allen, V. C., Jr e Senay, I. (2013). Effetti della concordanza razziale paziente-fornitore e dello stato di fumo sull'accuratezza della percezione del rischio di cancro ai polmoni tra gli afro-americani. Annali di medicina comportamentale: una pubblicazione della Society of Behavioral Medicine, 45(3), 308-317. https://doi.org/10.1007/s12160-013-9475-9
  14. Price-Haywood, E., Affiliazioni dell'autore Dall'Ochsner Health Center for Outcomes and Health Services Research (EGP-H., LA Jackson e altri, altri, M., & Group, T. (2020, 14 luglio). Ospedalizzazione e mortalità tra pazienti neri e pazienti bianchi con Covid-19: NEJM Estratto il 21 luglio 2020 da https://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMsa2011686
  15. Redmond, N., Baer, ​​H., & Hicks, L. (2011, marzo). Comportamenti sanitari e disparità razziali nel controllo della pressione sanguigna nell'indagine nazionale sugli esami sanitari e nutrizionali. Estratto il 21 luglio 2020 da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21300667
  16. S. Saha, M., S. Saha, S., MJ. Shen, E., LA. Cooper, N., AR. Eiser, G., Brewer, M., . . . LM. Vliet, E. (2020). Impatto della razza dei medici sul processo decisionale del paziente e sulle valutazioni dei medici: un esperimento randomizzato che utilizza le vignette video. Estratto il 21 luglio 2020 da https://link.springer.com/article/10.1007/s11606-020-05646-z
  17. Smedley, B. (2001, 01 gennaio). Aumentare la diversità razziale ed etnica tra i medici: un intervento per affrontare le disparità di salute? Estratto il 21 luglio 2020 da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK223632/
  18. Traylor, A. H., Schmittdiel, J. A., Uratsu, C. S., Mangione, C. M. e Subramanian, U. (2010). Aderenza ai farmaci per le malattie cardiovascolari: conta la razza/etnia e la concordanza linguistica del paziente-fornitore?. Rivista di medicina interna generale, 25(11), 1172-1177. https://doi.org/10.1007/s11606-010-1424-8
  19. Petersen, E., MD, Davis, N., PhD, e Goodman, D., PhD. (2019, 05 settembre). Disparità razziali/etniche nelle morti legate alla gravidanza - Stati Uniti, 2007-2016. Estratto il 21 luglio 2020 da https://www.cdc.gov/mmwr/volumes/68/wr/mm6835a3.htm
  20. Redmond, N., Baer, ​​H., & Hicks, L. (2011, marzo). Comportamenti sanitari e disparità razziali nel controllo della pressione sanguigna nell'indagine nazionale sugli esami sanitari e nutrizionali. Estratto il 21 luglio 2020 da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21300667
  21. Wall L. L. (2006). L'etica medica del dottor J Marion Sims: uno sguardo nuovo alla documentazione storica. Giornale di etica medica, 32(6), 346-350. https://doi.org/10.1136/jme.2005.012559
  22. Wong, M. D., Cunningham, W. E., Shapiro, M. F., Andersen, R. M., Cleary, P. D., Duan, N., Liu, H. H., Wilson, I. B., Landon, B. E., Wenger, N. S. e HCSUS Consortium (2004). Disparità nel trattamento dell'HIV e atteggiamenti dei medici sul ritardare gli inibitori della proteasi per i pazienti non aderenti. Giornale di medicina interna generale, 19(4), 366-374. https://doi.org/10.1111/j.1525-1497.2004.30429.x
Vedi altro