Antirughe: esiste una cosa del genere?

Antirughe: esiste una cosa del genere?

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi di carattere medico, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli su Health Guide sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Rimozione delle rughe

Botox riceve molta attenzione per la sua capacità di levigare le linee della fronte, le zampe di gallina e le pieghe che iniziano a formarsi ai lati del naso con l'avanzare dell'età. Ma sebbene Botox sia un'opzione quando stai considerando di rimuovere le rughe, è tutt'altro che l'unica possibilità là fuori e potrebbe anche non essere la soluzione migliore per te e la tua pelle. Ecco cosa devi sapere su tutte le opzioni a tua disposizione.

Vitali

  • Le rughe iniziano a formarsi tra i 20 ei 30 anni quando la struttura sottostante della nostra pelle inizia a rompersi.
  • Lo stile di vita, la genetica e i fattori ambientali contribuiscono tutti alla formazione delle rughe, ma circa l'80% dell'invecchiamento del viso è dovuto ai danni del sole.
  • È stato dimostrato che le creme antirughe con retinoidi, niacinamide, peptidi e vitamina C combattono efficacemente la comparsa delle rughe.
  • Migliorare l'aspetto delle pieghe più profonde può richiedere trattamenti più forti o procedure mediche invasive.

In sostanza, le rughe sono solo linee sottili più profonde. Le rughe si formano quando la pelle si piega, generalmente come parte naturale della formazione dell'espressione facciale, e ha difficoltà a tornare alla sua forma originale. Questa incapacità della tua pelle di riprendersi come quando eri più giovane è una parte naturale del processo di invecchiamento. Sebbene molte cose contribuiscano alla formazione delle rughe, dalle abitudini di vita alla genetica, il più grande fattore esterno è il fotodanneggiamento dall'esposizione al sole (Avci, 2013).



Per fortuna, la maggior parte di noi non deve preoccuparsi di queste fastidiose linee fino alla fine dei vent'anni o all'inizio dei trent'anni. Con l'avanzare dell'età, la struttura sottostante della nostra pelle inizia a rompersi. Sotto lo strato superiore della nostra pelle, noto come epidermide, c'è un altro strato chiamato derma, che contiene fibre di collagene ed elastina che sono responsabili di conferire alla nostra pelle la sua fermezza ed elasticità sostenendo l'epidermide sopra.

Annuncio pubblicitario



Semplifica la tua routine di cura della pelle

modo naturale per allungare il pennino

Ogni bottiglia di Nightly Defense prescritta dal medico è fatta per te con ingredienti potenti e scelti con cura e consegnata a casa tua.

Per saperne di più

Sfortunatamente, le fibre di elastina e collagene si degradano con l'avanzare dell'età. Ciò significa che il derma non può più dare alla superficie della pelle il tipo di supporto che un tempo dava, con conseguente formazione di linee sottili.



Losartan è un ace inibitore o un beta bloccante?

Ma non è l'unico modo in cui la nostra pelle invecchia che forma o aumenta la comparsa delle rughe. il derma è anche sede di glicosaminoglicani o GAG. Queste molecole agiscono come idratanti naturali attirando l'acqua nelle cellule, che possono anche dare volume e compattezza alla pelle.

Il problema è che i GAG non possono svolgere questo lavoro in modo efficace nella pelle fotodanneggiata. Con l'avanzare dell'età, la nostra epidermide perde anche acido ialuronico, un'altra sostanza naturale prodotta dal nostro corpo che trattiene l'acqua per mantenere i tessuti idratati (Ganceviciene, 2012). Insieme, questi due processi contribuiscono alla secchezza della pelle con l'avanzare dell'età, che può far apparire le rughe più evidenti di quanto potrebbero nella pelle idratata.

Come sbarazzarsi delle rughe

Con così tanti contributori alle rughe sui nostri volti, come si suppone che qualcuno possa prevenire o liberarsi delle zampe di gallina? Fortunatamente, esiste una vasta gamma di prodotti, dalle creme antirughe per il viso alle creme per gli occhi, che vantano potenti principi attivi supportati dalla ricerca. I dermatologi hanno anche sviluppato procedure per contrastare quelle fastidiose linee. Ecco cosa devi sapere su ciascuno per capire cosa potrebbe essere giusto per te e il tuo tipo di pelle.

Skincare routine: cosa significa? Dovresti averne uno?

9 minuti di lettura

Creme antirughe

Creme antirughe, creme antietà e altri prodotti topici per la cura della pelle progettati per colpire le pieghe della pelle sono un'ottima prima linea di attacco. Sebbene le rughe più profonde possano richiedere una combinazione di prodotti per la cura della pelle e trattamenti dermatologici (più su quelli in un secondo), l'applicazione coerente di questi prodotti può aiutare a prevenire linee future o l'approfondimento delle pieghe attuali, secondo Dermatologo Estetico Dott. Michele Green . È meglio cercare prodotti che contengano i seguenti ingredienti:

  • Retinoidi: I retinoidi sono una classe di sostanze sintetiche o naturali, prodotti correlati al retinolo, noto anche come vitamina A. Anche i derivati ​​della vitamina A, come la tretinoina e l'acido retinoico, sono frequentemente utilizzati nel trattamento clinico di varie condizioni della pelle. che sono a base di vitamina A, come il retinolo, o derivati ​​da essa, come la tretinoina e l'acido retinoico. retinoidi aumentare il turnover cellulare della pelle , o quanto velocemente il tuo corpo crea nuovi strati e libera quelli vecchi. Ciò significa che l'uso regolare di questi prodotti può aiutare a rivelare la pelle dall'aspetto più giovane sotto. Ma aumentano anche la capacità delle cellule della pelle di ricostituire il loro collagene, supportando quella struttura che mantiene la pelle morbida e liscia (Mukherjee, 2006).
  • Vitamina C: La vitamina C è un antiossidante naturale. Ciò significa che è ottimo per combattere i radicali liberi, che sono sostanze che possono causare tutti i tipi di danni al nostro corpo, compreso l'invecchiamento della pelle e la formazione di rughe. È stato dimostrato che la vitamina C topica è significativamente diminuire l'aspetto delle linee sottili (Traikovich, 1999), migliorare il fotodanneggiamento (inclusa la riduzione dei solchi profondi nella pelle) (Humbert, 2003), e aumentare la produzione di collagene (Nusgens, 2001).
  • Acidi idrossilici: Questo è un gruppo di sostanze chimiche che include alfa-idrossiacidi (AHA) e beta idrossiacidi (BHA) come l'acido glicolico e l'acido lattico. Sebbene siano utilizzati in alcuni peeling chimici eseguiti dai dermatologi per migliorare la consistenza della pelle, sono disponibili anche in prodotti per la cura della pelle da banco a concentrazioni tipiche del 5-10%. La ricerca passata ha dimostrato che gli idrossiacidi a maggiore concentrazione possono levigare le rughe, aumentare il turnover cellulare della pelle, ripristinare l'idratazione e aumentare la sintesi del collagene (Moghimipour, 2012).
  • Peptidi: Questi composti sono essenzialmente i mattoni delle fibre di elastina e collagene che danno la struttura della pelle. Uno studia fatto su campioni di pelle umana ha scoperto che l'applicazione topica di peptidi ha potenziato con successo la produzione di collagene. I ricercatori ritengono inoltre che questi peptidi siano parte integrante del mantenimento della giunzione dermo-epidermica (DEJ), l'area in cui l'epidermide incontra il derma, che è fondamentale sia per fornire struttura che per consentire ai nutrienti di raggiungere la pelle. In precedenza è stato dimostrato che i guasti nella DEJ causano cedimenti, diminuzione della guarigione delle ferite e pelle secca (Jeong, 2020).
  • Niacinamide: Questa forma di vitamina B3 ha proprietà anti-invecchiamento se applicata localmente. Le linee sottili e le rughe sono diminuite in uno studio che mirava a confermare alcuni dei benefici della niacinamide riscontrati da precedenti studi clinici. I partecipanti hanno applicato niacinamide topica al 5% su metà dei loro volti per 12 settimane per confrontare la pelle trattata con la pelle non trattata (Bissett, 2004). Anche meglio? La niacinamide è comunemente usato come trattamento dell'acne e può aiutare a prevenire macchie come i punti neri che possono essere causati dall'eccesso di olio.
  • Acido ialuronico: Come accennato, questo ingrediente comune per la cura della pelle è prodotto naturalmente dal corpo e mantiene la pelle idratata. Ma con l'avanzare dell'età, la nostra epidermide produce meno di questo composto idratante, che è uno dei fattori che portano alla pelle secca legata all'età (Ganceviciene, 2012). La buona notizia è che è ampiamente disponibile nei prodotti topici per la cura della pelle da banco ed è generalmente adatto e tollerato da un'ampia gamma di tipi di pelle, afferma il dott. Green.

Quale trattamento topico antirughe è giusto per te? Considera quali problemi della pelle ti infastidiscono di più e opta per creme o lozioni che affrontano specificamente questi problemi. Un dermatologo può anche aiutarti a creare una routine di cura della pelle che si adatti alle tue esigenze specifiche. Tuttavia, dovrebbero essere considerati anche gli effetti collaterali, soprattutto se stai discutendo tra un prodotto (come un retinoide) disponibile in una versione da banco e la forza di prescrizione.

C'è differenza tra Retin-A e tretinoina?

6 minuti di lettura

I trattamenti su prescrizione possono causare più effetti collaterali poiché la concentrazione dei loro principi attivi può essere maggiore. Ma puoi anche valutare il costo. Sebbene i prodotti da banco possano utilizzare una concentrazione inferiore di un ingrediente attivo e, quindi, possano offrire risultati meno drammatici, potrebbe valere la pena di risparmiare tempo in base a quanto denaro risparmierai rispetto ai farmaci da prescrizione.

Altre opzioni

Se stai cercando risultati più drammatici o hai rughe più profonde, le procedure dermatologiche potrebbero essere la strada da percorrere. Alcuni di questi trattamenti richiedono pochissimi tempi di inattività, ad esempio i neuromodulatori, come il Botox, possono essere eseguiti durante la pausa pranzo, mentre altri, come un lifting, richiedono il ricovero in ospedale e tempi di recupero significativi. Queste sono le opzioni che si sono dimostrate efficaci nel trattamento delle rughe:

  • Laser: È disponibile una vasta gamma di trattamenti di superficie laser, ma la differenza più grande è quanto sono duri sulla pelle e i tempi di inattività necessari per il recupero. Laser non frazionati hanno dimostrato di contrastare il fotodanneggiamento e migliorare l'aspetto della pelle aiutando il corpo a ricostruire alcune delle strutture di supporto, come le fibre di collagene, nel derma. Il Dr. Green spiega che questi sono trattamenti migliori per vedere risultati complessivi poiché funzionano su ampie aree della pelle. Il problema è che questi laser hanno tempi di inattività più lunghi (circa quattro settimane) e un aumento del rischio di effetti collaterali come scolorimento e cicatrici. I laser frazionati limitano i tempi di inattività e il rischio di effetti collaterali fornendo gli stessi vantaggi. Entrambi i tipi di laser creano uno stress controllato che innesca la risposta di guarigione della ferita, spingendo il corpo a riemergere nell'area danneggiata (Ganceviciene, 2012). I laser frazionati vengono utilizzati per il trattamento delle aree problematiche, spiega il dott. Green, aggiungendo che non ci sono tempi di inattività con questa terapia mirata.
  • Neuromodulatori: Probabilmente conosci questo trattamento come Botox o tossina botulinica, anche se è lontano dall'unico neuromodulatore sul mercato. Queste iniezioni agiscono sui nervi dei muscoli facciali, congelandoli efficacemente e levigando le rughe nel processo. Botox, in particolare, è stato mostrato per essere efficace su rughe, zampe di gallina, pieghe orizzontali sulla fronte e rughe intorno alla bocca (Satriyasa, 2019).
  • Microneedling: Questo trattamento è essenzialmente esattamente quello che sembra: un dermatologo utilizza aghi per creare migliaia di punture nella pelle durante questa procedura, che può o meno essere accompagnata dall'applicazione di sieri progettati per affrontare specifici problemi della pelle. La ricerca ha trovato che il microneedling aumenta efficacemente la produzione di elastina e fibre di collagene, nonché i vasi sanguigni che portano a queste strutture cutanee di supporto. Il risultato è una pelle più soda e dall'aspetto più giovane dopo sei sessioni di microneedling eseguite a intervalli di due settimane. Ma potresti vedere risultati ancora migliori se il tuo dermatologo usa tretinoina, un retinoide o un siero di vitamina C durante le procedure (Singh, 2016).
  • Microdermoabrasione: Puoi pensare a questo come alla versione professionale della tua esfoliazione a casa. Quando il tuo corpo crea nuove cellule epidermiche (della pelle), vengono aggiunti come livello più in basso della tua pelle e lentamente si fanno strada verso la superficie mentre le cellule morte sulla parte superiore vengono eliminate (Zasada, 2019). Per rivelare una pelle più giovane e dall'aspetto più stretto, un dermatologo rimuoverà gli strati più superficiali di cellule della pelle vecchie e morte attraverso l'abrasione o l'esfoliazione. oh ne piccolo studio che ha fatto sottoporre i partecipanti a sessioni di microdermoabrasione una volta alla settimana per sei settimane e ha mostrato che le rughe erano migliorate entro la terza settimana e ulteriormente diminuite entro la sesta settimana (Spencer, 2006). Ma ulteriori ricerche hanno trovato che più dello strato superficiale della pelle è interessato da questo trattamento. La microdermoabrasione provoca un aumento della densità delle fibre di collagene negli strati inferiori della pelle, che può migliorare l'elasticità della pelle e levigare l'aspetto di linee sottili e rughe (Shah, 2020).
  • Opzioni chirurgiche: Ci sono diverse procedure chirurgiche disponibili per levigare le rughe, tra cui sopracciglia e lifting. Diverse aree del viso sono coinvolte in ogni procedura, ma entrambe comportano la manipolazione del tessuto e la rimozione della pelle in eccesso. Esistono diversi metodi per entrambi questi trattamenti, alcuni meno invasivi di altri.
  • Bucce acide: Esistono tre diversi tipi di peeling chimici: peeling superficiali, peeling di media profondità e peeling profondi. Ciascuno utilizza gli stessi principi attivi ma a concentrazioni diverse per rimuovere quantità diverse degli strati superiori della pelle. Bucce profonde è stato mostrato per aumentare le fibre di collagene, l'acqua e i GAG nel derma, anche se i ricercatori non sono abbastanza sicuri di come funzionino esattamente (Ganceviciene, 2012). Il ripristino di alcuni di questi elementi strutturali della pelle può aiutare a ridurre la comparsa delle rughe.

Facelift: tipi di procedure, costi e complicazioni

6 minuti di lettura

quante persone hanno l'herpes simplex?

Modi per prevenire le rughe

Poiché il più grande contributo esterno all'invecchiamento della pelle è il danno solare, limitare l'esposizione al sole e indossare una protezione solare con un SPF di almeno 30 sulla pelle esposta quando si esce all'aperto può fare una grande differenza. Mantenere l'integrità strutturale delle fibre di collagene ed elastina può fare molto per prevenire le rughe. Infatti, la ricerca passata ha trovato che circa l'80% dell'invecchiamento della pelle del viso è dovuto ai danni dei raggi ultravioletti (UV) alla luce naturale (Shanbhag, 2019).

I neuromodulatori come Botox o Xeomin non solo hanno dimostrato di migliorare l'aspetto di linee sottili e rughe, ma hanno anche dimostrato di prevenirne la progressione prevenendo i movimenti ripetitivi dei muscoli facciali che potrebbero causare linee future. Questi trattamenti devono, tuttavia, essere somministrati da un operatore sanitario. Parla con il tuo dermatologo per vedere se sei un buon candidato.

Riferimenti

  1. Avci, P., Gupta, A., Sadasivam, M., Vecchio, D., Pam, Z., Pam, N., & Hamblin, M. R. (2013). Terapia laser (luce) a basso livello (LLLT) nella pelle: stimolante, curativa, riparatrice. Seminari di medicina e chirurgia cutanea, 32(1), 41-52, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4126803/
  2. Bissett, D. L., Miyamoto, K., Sun, P., Li, J. e Berge, C. A. (2004). La niacinamide topica riduce l'ingiallimento, le rughe, le macchie rosse e le macchie iperpigmentate nell'invecchiamento della pelle del viso1. Rivista internazionale di scienza cosmetica, 26 (5), 231-238. doi: 10.1111/j.1467-2494.2004.00228.x https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/18492135/
  3. Ganceviciene, R., Liakou, A. I., Theodoridis, A., Makrantonaki, E., & Zouboulis, C. C. (2012). Strategie antietà per la pelle. Dermato-Endocrinologia, 4(3), 308-319. doi:10.4161/derm.22804. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3583892/
  4. Humbert, P. G., Haftek, M., Creidi, P., Lapiere, C., Nusgens, B., Richard, A., . . . Zahouani, H. (2003). Acido ascorbico topico sulla pelle fotoinvecchiata. Valutazione clinica, topografica e ultrastrutturale: studio in doppio cieco vs placebo. Dermatologia sperimentale, 12(3), 237-244. doi:10.1034/j.1600-0625.2003.00008.x. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/12823436/
  5. Jeong, S., Yoon, S., Kim, S., Jung, J., Kor, M., Shin, K., . . . Kim, HJ (2019). Benefici antirughe del complesso di peptidi che stimola l'espressione delle proteine ​​della membrana basale della pelle. Rivista internazionale di scienze molecolari, 21 (1), 73. doi:10.3390/ijms21010073. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6981886/
  6. Mukherjee, S., Date, A., Patravale, V., Korting, H. C., Roeder, A., & Weindl, G. (2006). I retinoidi nel trattamento dell'invecchiamento cutaneo: una panoramica dell'efficacia e della sicurezza clinica. Interventi clinici nell'invecchiamento, 1(4), 327-348. doi:10.2147/ciia.2006.1.4.327. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2699641/
  7. Nusgens, B. V., Colige, A. C., Lambert, C. A., Lapière, C. M., Humbert, P., Rougier, A., . . . Creidi, P. (2001). La vitamina C applicata localmente migliora il livello di mRNA dei collageni I e III, i loro enzimi di elaborazione e l'inibitore tissutale della matrice metalloproteinasi 1 nel derma umano. Journal of Investigative Dermatology, 116(6), 853-859. doi:10.1046/j.0022-202x.2001.01362.x. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/11407971/
  8. Satriyasa, B.K. (2019). Tossina botulinica (Botox) A per ridurre la comparsa delle rughe facciali: una revisione della letteratura sull'uso clinico e l'aspetto farmacologico. Dermatologia clinica, cosmetica e sperimentale, volume 12, 223-228. doi:10.2147/ccid.s202919. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6489637/
  9. Shah, M., & Crane, J. S. (2020). Microdermoabrasione. L'isola del tesoro, FL: StatPearls Publishing. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK535383/
  10. Shanbhag, S., Nayak, A., Narayan, R. e Nayak, U. Y. (2019). Antietà e creme solari: cambio di paradigma nella cosmesi. Bollettino farmaceutico avanzato, 9(3), 348-359. doi:10.15171/apb.2019.042. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6773941/
  11. Singh, A., & Yadav, S. (2016). Microneedling: progressi e ampliamento degli orizzonti. Rivista online di dermatologia indiana, 7 (4), 244. doi: 10.4103/2229-5178.185468, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4976400/
  12. Spencer, J. M., & Kurtz, E. S. (2006). Approcci per documentare l'efficacia e la sicurezza della procedura di microdermoabrasione. Chirurgia dermatologica, 32(11), 1353-1357. doi:10.1097/00042728-200611000-00006, https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/17083587/
  13. Zasada, M., & Budzisz, E. (2019). Retinoidi: Molecole attive che influenzano la formazione della struttura della pelle nei trattamenti cosmetici e dermatologici. Progressi in dermatologia e allergologia, 36(4), 392-397. doi:10.5114/ada.2019.87443, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6791161/
Vedi altro