Sì, le 'palle blu' sono una cosa reale (e di solito è facile da trattare)

Sì, le 'palle blu' sono una cosa reale (e di solito è facile da trattare)

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

quanto tempo può vivere il coronavirus fuori dall'ospite?

Le palline blu sono usate come figura retorica per indicare la frustrazione così spesso da assumere uno status astratto, quasi mitico. Ma le palline blu sono una condizione medica molto reale: fidati di noi, provalo una volta e sarai un credente. (Ma non lo auguriamo a nessuno.)

Vitali

  • Le palline blu sono reali.
  • La condizione è causata dall'eccesso di sangue che rimane nel pene e nei testicoli durante l'erezione per un tempo prolungato senza rilascio sessuale.
  • Le palline blu non sono pericolose e c'è un rimedio abbastanza semplice.
  • Anche le donne possono sperimentare la condizione.

Cosa sono le palline blu?

Le palline blu, note anche come ipertensione epididimale (EH), sono una condizione spiacevole che deriva dall'avere un'erezione per un periodo di tempo prolungato senza eiaculazione. In effetti è una cosa reale. Ecco perché compaiono le palline blu e come affrontarle.



Perché le persone ricevono le palle blu?

Il pene e i testicoli contengono migliaia di vasi sanguigni che si espandono e si riempiono di sangue durante l'erezione. Sappiamo tutti che il pene si irrigidisce, ma anche i testicoli aumentano un po' di dimensioni. Dopo l'orgasmo (o un calo dell'eccitazione), il sangue ritorna nel corpo.

Annuncio pubblicitario



Ottieni $ 15 di sconto sul tuo primo ordine di trattamento per la disfunzione erettile

Un vero professionista sanitario autorizzato negli Stati Uniti esaminerà le tue informazioni e ti ricontatterà entro 24 ore.

Per saperne di più

Ma quando quel sangue in eccesso rimane a lungo nei genitali senza essere rilasciato, quell'aumento della pressione sanguigna (l'ipertensione nel termine medico) può diventare doloroso, portando a un dolore ai testicoli non così affettuosamente noto come palline blu. Questo può accadere durante l'attività sessuale con un partner o una sessione di masturbazione prolungata (a.k.a. edging) senza eiaculare.



Segni e sintomi di palline blu

I sintomi delle palline blu possono includere:

  • Pesantezza nello scroto
  • Una sensazione dolorosa
  • Dolore testicolare o lieve fastidio
  • Forse, una debole tinta blu

Curiosamente, il primo documento sottoposto a revisione paritaria on blue balls non è stato pubblicato fino all'ottobre 2000. I ricercatori hanno teorizzato che sia causato dal sangue che scorre nei genitali e non fuoriesce, portando a gonfiore, in particolare nell'epididimo (i tubi dietro i testicoli, che immagazzinano e trasportano lo sperma). Forse se questo persiste e il drenaggio venoso testicolare viene rallentato, la pressione aumenta e provoca dolore, hanno scritto i ricercatori. La distensione dell'epididimo è la causa del dolore? Come con qualsiasi entità patologica, esiste probabilmente uno spettro di dolore con 'palline blu' che varia da un disagio breve e lieve a un dolore grave e prolungato. (Chalett & Nerenberg, 2000)

Miti sulle palline blu

Mito n. 1: le palline blu sono pericolose.

Questo non è vero. Sebbene le palle blu possano essere angoscianti, è una condizione abbastanza comune e innocua che può essere facilmente risolta con un orgasmo.

Mito n. 2: le palline blu sembrano sempre blu.

Qualsiasi tonalità bluastra che risulta dalle palline blu è solitamente sottile e potrebbe non verificarsi affatto.

Mito n. 3: Succede solo agli uomini.

No. Sebbene questo fenomeno non sia stato descritto dai ricercatori, sembra che le donne possano ottenere la vulva blu anche dalla frustrazione sessuale: durante l'eccitazione sessuale, l'aumento del flusso sanguigno fa gonfiare leggermente la vulva e il clitoride. Quando il sangue viene intrappolato troppo a lungo da un'eccitazione prolungata senza rilascio sessuale, potrebbero verificarsi disagio o dolore.

Opzioni di trattamento per le palle blu

Questo è abbastanza facile: Eiaculare. Avere un orgasmo rilascerà il sangue in eccesso dai genitali e risolverà le palle blu.

Se i tuoi testicoli fanno male o si sentono pesanti che non vanno via o non sono correlati alle palline blu, consulta il tuo medico o un urologo.

Riferimenti

  1. Chalett, J. M., & Nerenberg, L. T. (2000). Blue Balls: una considerazione diagnostica nel dolore testicoloscrotale nei giovani adulti: un caso clinico e discussione. Pediatria, 106(4), 843–843. doi: 10.1542/peds.106.4.843, https://europepmc.org/article/med/11015532
Vedi altro